Tutto ciò che devi sapere su un radiatore: i dettagli tecnici

Informazioni tecniche termosifoni

I radiatori ad acqua sono una delle scelte migliori per riscaldare gli ambienti. Infatti, a differenza di quelli elettri, sono più controllabilisilenziosi e costanti nel mantenere la temperatura. Ecco alcune Informazioni tecniche termosifoni che potrebbero esserti utili per l’acquisto del tuo prossimo calorifero ad acqua.

Radiatori in Ghisa Art Nouveau

Uno dei nostri radiatori in ghisa ad acqua


Informazioni tecniche termosifoni: come funzionano?

Per far sì che l’acqua entri ed esca dal termosifone, sono necessari due strumenti: la valvola (da cui l’acqua entra) e il detentore (da cui l’acqua esce). Ma oltre a questi due fondamentali oggetti, ce ne sono altri che, seppure in secondo piano, rimangono importanti per il funzionamento del radiatore. Anzitutto lo sfiato, ovvero lo strumento per scaricare l’aria durante il riempimento, e garantire che il calorifero sia completamente pieno d’acqua. Ma analizziamo più nel dettaglio questi attrezzi.

Per prima cosa la valvola. Essa si può dividere in due categorie: manuale o termostatica. Per scoprire in particolare le differenze tra le due tipologie, e i conseguenti sottogruppi in cui sono classificabili (dritte a squadra, per tubo rame, ferro o multistrato), leggi l’articolo dedicato cliccando qui. In questa sede basta dire che una valvola manuale necessita un maggior sforzo di gestione, mentre la termostatica è sicuramente più confortevole.

Per quanto riguarda il detentore invece, come detto, si occupa di controllare l’acqua che esce dal termosifone e dunque di bilanciare l’impianto. Così garantisce che anche il radiatore anche più lontano dalla caldaia raggiunga la stessa temperatura di quello più vicino. I detentori sono di un’unica tipologia, e non si dividono in manuali o termostatici. Tuttavia esistono nelle due varianti di dritto o a squadra.

Nei nostri impianti solitamente valvola e detentore si trovano sul fianco del calorifero: in alto la valvola e in basso il detentore. I nostri radiatori sono universali: possiedono un attacco da mezzo pollice e si adattano dunque a ogni impianto.

scegliere le valvole per radiatori

Una valvola termostatica


Che cos’è il Delta T? Il calcolo del wattaggio

I watt di un termosifone si calcolano in base a un “Delta T”, ovvero l’impatto della temperatura dell’acqua sulla potenza termica di un radiatore. Si tratta della differenza tra la temperatura dell’acqua che circola nell’impianto e quella dellambiente circostante. Se la temperatura ambiente è 20ºC e la temperatura media dell’acqua all’interno dei radiatori è 70ºC, il valore ∆T è 70 – 20 = 50º.

Di conseguenza la resa termica di un radiatore è proporzionale alla temperatura dell’acqua al suo interno. Ciò significa che la potenza del termosifone sarà maggiore quanto più calda è l’acqua al suo interno. Sfruttando l’esempio precedente, con un ∆T di 50º, il radiatore potrebbe emettere 1000 Watt. Tuttavia, se si riduce la temperatura dell’acqua, si abbassa anche il Delta T. Dunque con un ∆T di 30º lo stesso calorifero emetterà solo 510 Watt.

Infine è bene sapere che lo standard per il mercato europeo è il ∆T di 50º, ma si possono usare i “fattori di correzione” per trovare la potenza effettiva di qualsiasi radiatore con un Delta T differente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *