L’origine del termosifone Mercurio: la Belle époque parigina

L’origine del termosifone Mercurio

Mercurio è nato ispirandosi a un modello creato a cavallo tra il XIX e il XX in Francia. Questo periodo fu particolarmente florido per la città di Parigi, divenuta fondamentale centro europeo durante quella che passerà alla storia come Belle époque. Ma in che cosa consiste? Ecco dunque un breve sguardo su quegli anni, per scoprire l’origine del termosifone Mercurio.

L’origine del termosifone Mercurio: la Belle Époque

Alla fine dell’800 Parigi si stava riprendendo dai bombardamenti e dall’assedio della precedente guerra contro la Prussia: tutto era da ricostruire. Eppure, con una velocità incredibile, in meno di quarant’anni la Francia divenne il centro economico, politico, tecnologico e culturale europeo, durante una vera età dell’oro, quella che è passata alla storia come la Belle Époque. La città cambiò rapidamente faccia: gli stretti quartieri antichi vengono sostituiti da ampi viali illuminati, puliti, verdi e pieni di vita.

La Parigi medievale scompare, inghiottita da innovazione e progresso. Ne sono testimonianza la collocazione dei lampioni per le strade, la creazione di un sistema di tubature più efficiente, l’estensione della rette di mezzi pubblici e l’aumento della popolazione. Numerosi stranieri giungevano in visita della capitale della Belle Époque: grazie alle esposizioni universali milioni di visitatori affollarono la città, mentre il turismo diventava il nuovo intrattenimento moderno.

L’origine del termosifone Mercurio

L’illuminazione di Parigi


Divertimenti e consumo

Tra le novità che il progresso ha introdotto figura l’intrattenimento. Anzitutto bisogna parlare del cinema, una delle invenzioni più caratterizzanti della Belle Époque. I fratelli Lumière cominciarono a far pagare il biglietto d’ingresso alle loro proiezioni nel Grand Café. Da brevi e ordinari cortometraggi, si diffusero racconti più strutturati: veri e propri film. Anche l’automobile ha causato una vera e propria “febbre”, tanto che quasi tutti accorsero ad accaparrarsi i primi modelli.

Il consumo infine iniziò ad emergere a inizio ‘900, e contraddistinse tutto il secolo (fino ad oggi). I centri commerciali, primo tra tutti le Galeries Lafayette, i grandi magazzini per i più modesti, gli annunci pubblicitari: tutto è nato in questo periodo. E non è da trascurare la stampa, che ebbe uno straordinario sviluppo. Le notizie correvano veloci e i parigini del tempo, sempre in maggior numero alfabetizzati, le leggevano morbosamente. L’emozione degli abitanti era percepibile e i cambiamenti divennero ben presto abitudine. La città di inizio ‘900 non aveva niente a che fare con quella di trent’anni prima: brulicava di una nuova vita, quella del XX secolo.

L’origine del termosifone Mercurio

Il cinema è un divertimento nato in questo periodo


L’origine del termosifone Mercurio

Proprio in questo periodo veniva realizzato in Francia un modello di radiatore sofisticato ed elegante, ricco di ornamenti: è quello a cui si ispira il nostro Mercurio. Si tratta di un grande classico del mondo radiatori liberty. Ha una linea sinuosa e piuttosto austera, con decorazioni decisamente generose. Gli orpelli floreali esaltano al meglio ogni ambiente. Nonostante la forma snella, con sole due colonne, la potenza calorica è altissima.

Le altezze disponibili sono due: 510 mm e 760 mm. Questo radiatore è realizzato con le migliori tecniche fusorie ed è estremamente durevole. Disponibile in molti colori di finitura oltre a quelli base: grigio ghisa, nero, bianco (tutti sia opachi che lucidi), ma anche numerose tinte ral, su richiesta.

Termosifone in ghisa Mercurio

Il nostro radiatore Mercurio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *